Campionato di società: Lucchini terzo a Pergine, Latella secondo Esordienti. Cuaz terzo al Giro del Friuli

Campionato di società: Lucchini terzo a Pergine, Latella secondo Esordienti. Cuaz terzo al Giro del Friuli

 

Gli Esordienti e gli Allievi del Cicli Lucchini sono tornati in gara in Trentino. I bikers della società aostana hanno partecipato alla quinta e ultima prova del Campionato Italiano Giovanile di società, disputata oggi – domenica – a Pergine Valsugana (Trento). Buone notizie per il Cicli Lucchini che ha conquistato la terza posizione di tappa, alle spalle degli altoatesini del Sunshine e dei liguri dell’Ucla 1991.

A livello individuale il miglior risultato di giornata lo ha ottenuto Remy Latella, Esordiente primo anno che ha terminato al secondo posto. Il portacolori del Cicli Lucchini ha completato la gara in 38’04”50, chiudendo alle spalle di Daniele Sassella (Melavì) in 37’14”80 e davanti a Mattia Settin (Bettini Bike) in 38’13”10. Gabriel Borre ha invece terminato la gara in 17a posizione, 24a Stefano Gerbaz.

Al femminile settimo posto per Nicole Truc, all’arrivo in 26’17”10, nella gara vinta dall’altoatesina Marie Aichner (St. Lorenzen) in 23’06”10. Negli Allievi secondo anno, quinta piazza per Filippo Latella (49’48”80), nella prova vinta dal ligure Diego Caviglia (Ucla 1991) in 46’09”40; 18° Alberto Bor, mentre negli Allievi 1 ottavo posto per Hervé Bionaz in 51’56”80, nella gara vinta da Michael Pecis (Mtb San Paolo) in 48’15”80).

Dal settore strada sono arrivati altri riscontri positivi da Wladimir Cuaz. Il ciclista del Lucchini ha concluso al terzo posto il Giro del Friuli, gara a tappe che ha corso insieme ad altri tre compagni di squadra: Fabio Ferrod, Simone Ventura e Andrea Carlotto.

Cuaz, dopo aver vestito la maglia di leader il primo giorno, ha chiuso terzo dietro allo sloveno Matej Lovse e ad Alessandro Bianchin. Il valdostano ha accusato 26” dal vincitore, cinque dall’italiano dello Spezzotto Bike Team. In classifica generale, 45° Fabio Ferrod, 76° Simone Ventura e 103° Andrea Carlotto.