Liski guarda al futuro, strizzando l’occhio ai Giochi 2026. Diego Parigi: «Olimpiadi straordinarie per tutto il paese»

Acmediapress

Liski guarda al futuro, strizzando l’occhio ai Giochi 2026. Diego Parigi: «Olimpiadi straordinarie per tutto il paese»

È già trascorsa una settimana da quel 24 giugno che ha regalato una gioia immensa all’Italia e agli amanti degli sport invernali. Lunedì scorso, a Losanna, il Cio ha assegnato a Milano-Cortina i Giochi Olimpici 2026. In ordine temporale sarà l’ultimo dei grandi eventi che trasformerà il Bel Paese nei prossimi anni. A partire dal prossimo anno però, le località italiane saranno già sotto i riflettori di mezzo mondo, con Liski Sport Equipment in prima linea per gli allestimenti e la sicurezza. 

Nel febbraio 2020, ad Anterselva, si svolgeranno i Campionati Mondiali di biathlon. Nel tempio della disciplina che abbina sci di fondo e tiro al poligono, da svariate stagioni si utilizzano attrezzature prodotte dall’azienda bergamasca. Materassi, v-board, protezioni e tanto altro sono stati acquistati negli anni e verranno riutilizzate in occasione dei Mondiali.

È invece iniziata nel gennaio 2019 la grande collaborazione tra Liski e Fondazione Cortina per una vasta fornitura di materiali che si concluderà nel 2021. Quest’anno Coppa del Mondo e Campionati Italiani Assoluti, il prossimo le Finali di Coppa del Mondo di sci alpino, nel febbraio 2021 i Campionati Mondiali di sci alpino, dopo la rassegna svedese di Åre. 

E a proposito di Mondiali e Giochi Olimpici in Italia, non può essere dimenticata la partnership in esclusiva – che va avanti da anni – con la Federazione Italiana Sport Invernali. Tutte le squadre si allenano d’estate e d’inverno con i pali Liski, in modo particolare in quest’ultimo periodo è sempre più richiesto il Jet. Il brevetto permette la sostituzione rapida del tubo rotto ruotando con una leggera pressione l’asta del palo: tecnologia sempre più utilizzata e ricercata dalla maggior parte degli allenatori, anche quelli delle squadre nazionali italiane e straniere.

Il primo brevetto permette la sostituzione rapida del tubo rotto semplicemente ruotando con una leggera pressione l’asta del palo, la seconda particolarità consente di avere pali stabili conficcati nella neve. Tecnologie sempre più utilizzate e ricercate da tutti gli allenatori, anche quelli delle squadre nazionali italiane e straniere. 

Liski Sport Equipment, in attesa della nuov stagione invernale, sta effettuando numerosi test di laboratorio per arrivare a immettere sul mercato alcune novità rilevanti per quanto concerne la sicurezza. Lo sci però non è tutto: a Brembate si lavora anche sulle attrezzature dedicata al calcio e al motociclismo. Liski sarà presente e ben visibile sui circuiti di Barcellona, Sepang, Valencia e Phillip Island.

Diego Parigi: «Siamo molto contenti dell’ultima stagione invernale, così come siamo estremamente contenti degli accordi raggiunti con i vari organizzatori dei Campionati Mondiali. Tornare ad avere le Olimpiadi in casa è un qualcosa di straordinaria per tutto il nostro paese, ci complimentiamo con la grande squadra che ha lavorato dietro al dossier e alla candidatura, sperando di poter presto collaborare anche con loro».